martedì 31 gennaio 2017

La cucina lenta ai tempi dove tutto va troppo veloce 

Se c'è un ricordo della mia infanzia che rimarrà indelebile nella mia mente è la casa della mia nonna. Una casa dove la centralità era data dalla cucina dove con il grande tavolo in legno (la nostra fra nonni zii cugini era una famiglia numerosa) con le sedie in paglia, la madia di legno che faceva da credenza, il camino così grande che ci stavamo seduti e poi la cucina economica con la pentola del ragù che cuoceva lentamente e il pollo arrosto con le patate. La nonna che apriva ogni tanto lo sportello della cucina per sistemare la legna quel profumo di cibo, di legna e di brace non lo dimenticherò mai.  Io quei ragù e quegli arrosti così buoni non li ho più mangiati ed il motivo era proprio la cottura così lenta. Infatti quando poi i miei hanno cambiato casa e si sono modernizzati con forno elettrico bhe io quei gusti non li ho più ritrovati.  Insomma tutto questo preambolo lunghissimo per parlarvi di lei il mio regalo di babbo Natale più atteso: la slow Cooker che molti conosceranno con il nome di Crock Pot perché è il nome originale della pentola e con più facilità si tende a chiamarla così. La puntavo da molti anni, ma poi sono rimasta incinta, sono stata presa da tanto altro, anche la nostra alimentazione per mancanza di tempo era cambiata e così avevo abbandonato l'idea. Poi nell' ultimo anno grazie a piccolo ometto e ai suoi gusti alimentari la slow cooker mi è tornata alla mente. Perché ?! Semplice ultimante non faccio che fare minestroni, ragù, polpette...cose molto classiche e tradizionali e con questa pentola questi tipi di preparazioni vengono eccezionali. In pratica è una pentola in ceramica su base elettrica che consuma come una lampadina e che cuoce lentamente dalle 4 alle 8 ore a temperatura costante. Non si deve fare altro che mettere gli ingredienti (in precedenza in alcuni casi occorre un breve passaggio in padella sul gas) chiudere il coperchio impostare il programma e dimenticarsene. Una volta finita la cottura si attiva la modalità che tiene in caldo la pietanza per sei ore. Insomma lentamente e senza fatica avrete un piatto buonissimo con una cottura ottima e che mantiene tutte le proprietà delle materie soprattutto per quanto riguarda le carni e le zuppe che cotte in questa pentola fanno davvero tornare indietro alla mia infanzia.  Ecco le polpette ! Per le ricette al momento sto seguendo quelle che si trovano nel ricettario incluso con la pentola. Comunque questo post era in tema con la lentezza della cottura, fra interruzioni varie ci ho messo due giorni per scriverlo ! 

Nessun commento: