Indice Ricette

lunedì 24 novembre 2014

Oddio, non ce la faccio più!!!!

Oddio, non ce la faccio più....volete che sia sincera (come sempre del resto) non sapete quante volte ho detto questa frase negli ultimi 8 mesi ovvero da quando è nato piccolo ometto!
Non fraintendetemi essere mamma è bellissimo e lui è un bambino meravigloso allegro vivace curioso cucciolone....ma con un difetto non da poco per dei genitori ....dorme poco e male !!!!
Ma del resto dovevo immaginarmelo quando l'ostetrica me lo ha messo al petto appena nato mi ha detto: " Romy cara auguri Andrea sarà un bimbo bello sveglio guarda qua ha appena visto il mondo e ha gia gli occhi aperti!" ed infatti nella camera dell'ospedale indovinate chi non dormiva cosi tanto come facevano tutti gli altri neonati con le loro mamme al fianco?! Andrea
Ecco diciamo che da quando è nato le notti in cui siamo riusciti a riposare per piu di 3 ore di fila saranno state 3/4 non più! All'inizio ok sono piccoli mangiano ogni 3 ore (io poi per 4 mesi ho pure tirato il latte perchè non sono riuscita ad attacarlo, e di questo magari scriverò un'altra volta la mia esperienza onestamente che non ripeterò mai più) e ci sta...poi il sonno agitato ...poi  i denti poi l'influenza ma sta di fatto che piccolo ometto nè di giorno nè di notte è un dormiglione.
Mi sono domandata spesso se abbiamo sbagliato qualcosa noi oppure come mi dice spesso la pediatra ci sono bimbi che dormono e altri meno ecco piccolo ometto rientra nella seconda categoria ha un sonno leggero spesso agitato e ultimamente si risveglia piangendo ogni 2/3 ore.
E che si fa allora? Al primo figlio sei inesperta e anche insicura e allora inizi a leggere manuali e libri, metti in pratica metodi, chiedi consiglio alle altre mamme, per poi sentirti comunque dire che non tutti i figli sono uguali (e questo lo so) oppure ti criticano perchè fai così invece che un altra cosa....sta di fatto che passano i gg e le notti e tu non dormi ti risvegli ogni due ore per coccolarlo e credetemi io ci ho provato a farlo piangere a non premderlo in braccio, ma vederlo che si agita ancora di più.. io non ci riesco,  quei metodi di farlo piangere fino a che stremato non si addormenta non fanno per me e così devo fare una "confessione" spesso quando ci sono queste notti (e sono molte) non ho voglia di fare fatica perchè sono stanca perchè il mattino seguente la sveglia suona prima delle sette mio marito deve lavorare io rimango a casa senza aiuti con un piccolo ometto bello pimpante, perchè il giorno sei sempre di corsa, quei pochi momenti in cui dorme di giorno ne approfitto per preparare la  cena e magari anche il pranzo per me e naturalmente le pappe di piccolo ometto, nel mezzo postare qualcosa in facebook o instragram così visto per farvi sapere che ci sono che sono ancora viva, visto  che non trovo più neanche il tempo per scrivere, perchè la sera dopo cena ne approfitto per sistemare i panni fare lavatrici pulire un pò,  prendere un caffè con mio marito e guardarti finalmente negli occhi ....e allora al primo risveglio di piccolo ometto me lo prendo me lo coccolo e al diavolo le regole (se poi davvero ce ne sono di giuste da seguire) e lo metto nel lettone, ce lo coccoliamo e ci riposiamo un pò. Perchè credetemi il sonno per una mamma è il migliore amico che puoi trovare lungo questo cammino mano nella mano con tuo figlio...perchè il dormire ti permette di essere serena tranquilla e energica per affrontare la giornata insieme al tuo piccolo ometto.
So che trovo la solidarietà di molti genitori, lo si capisce dalla prima domanda che ti pongono quando ti incontrano e ti domadano del tuo bimbo, subito dopo sta bene ? ti chiedono dorme? E' o non è così?
E così sto imparamdo che essere madri è davvero il mestiere più difficile del mondo che non cè una cosa giusta o sbagliata che non bisogna mai criticare o giudicare una scelta di una mamma piuttosto di un'altra, io sono la prova comprovata che alla fine, nonostante mi ero ripromessa di non farlo il mio piccolo ometto me lo porto in mezzo al lettone con l'appoggio di mio marito così noi riposiamo un pò e lui dorme più tranquillo.
Ma poi alla fine dove c'è scritto che portarli a letto con noi li rende dei "mostri" da grandi?!
Io sto solo capendo ogni giorno di più che un bimbo sereno è figlio di una mamma serena e nulla più!

Volevo ringraziare tutte le mamme che mi hanno aiutato con una parola di conforto con molta delicatezza e senza giudizi e che sto conoscendo tramite un gruppo su facebook che si chiama "essere mamme a Cittadella e dintorni" grazie mamme siete meravigliose!! 




lunedì 1 settembre 2014

Il colmo per una "foodblogger" incinta ? L'inapettenza e l' ossessione per gli spaghetti

Proprio così durante la mia gravidaznza io che sono sempre stata una golosa, sempre con la tendenza a mettere su kg in gravidanza come per magia sono stata per nove mesi inapettente (per poi recuperare alla grande dopo!) Cosi sono stata lontana dai formelli per via di nausee e per il più completo disinteresse per la cucina se non l'ulimo mese per i dolci e così sfornavo torte ogni ora come se non ci fosse un domani....
Non ho avuto mai voglie se non una che era diventata una vera fissa: Gli Spaghetti rigorosamente con pomodoro e basilico o con olio e parmigiano ecco diciamo che per nove mesi ho mangiato tanti ma tanti spaghetti!!!!! Ma poi chissà perchè io che ho la dispensa piena di paste corte!!!
Ora comunque dopo che per una serie di motivi ho smesso di allattare ( a malincuore ma ero arrivata allo stremo delle forze fische e pscicologiche, infatti io ho dovuto tirare il latte fin dal secondo giorno perchè piccolo ometto non c' è stato verso di attarcarlo al seno, e vi giuro non l'auguro a nessuno....) sto recuperando tutte le voglie che non potevo soddisfare prima quindi quest'estate via libera a salumi, salsicce, verdure crude a volontà, sushi, e vino e birra ...mamma mia come mi è mancata la scorsa estate una bella birreta ghiacciata!!!! :)
Cosi a proprosito di spaghetti e paste lunghe ecco una ricettina che è un classico che tutti conoscono ma che non è poi così scontato saper fare...io li adoro: Gli spaghetti alle vongole (nel mio caso linguine, questo avevo in dispensa)  rigorosamente in bianco, perchè dai diciamolo si mamgiano così, ma nel caso in cui le volete rosse aggiungere dei pomodorni.

Ingredienti:

Spaghetti o linguine
vongole veraci
sale grosso
tanto prezzemolo
tanto aglio
peperoncino (facoltativo)
pepe
olio evo 
acqua di cottura della pasta

In una pentola metttete olio abbondante aglio e prezzemolo finemente tritati del peperoncino e le vongole (precedentemente spurgate, le mie gia lo erano all'origine, comunque per sicurezza le ho messe in acqua fredda e sale grosso e cambiato l'acqua piu volte) coprire e quando saranno aperte spengnere il fuoco.
Nel frattempo cuocere la pasta, scolarla al dente e finire la cottura in padella con le vongole e aggiungere dell'acqua di cottura della pasta. Aggiungre ancora prezzemolo fresco e una macinata di pepe. Io ne ho mangiati due etti ma credetemi non so fermarmi sono buonissimi!!!! Altro che quelli che si mangiano al mare in certe spiagge....non per vantarmi ma non c'è storia!!!

Romy chef's Blog 2014
Buona settiamna a tutti da me e da piccolo ometto che sta facendo il suo riposino di mezz'ora!!!!
p.s. scusate la foto è orrenda




giovedì 28 agosto 2014

Sono tornata e sono Felice!!!!

"Eccomi qui dopo mesi e mesi di silenzio, sicuramente l'assenza così prolungata non è la regola numero uno per avere un blog di successo, ma si sa il mio non ha mai avuto la pretesa di esserlo, è nato come un diario di vita e di ricette per condividere la mia grande passione per la cucina e scrivere di me. Ma in questi mesi la passione per la cucina mi ha abbandonata, ma so che questo "abbandono" è stato e sarà solo temporaneo dettato da un evento che ti travolge e ti sconvolge....
Sono state quelle due linee rosse che sono apparse sullo stick a luglio a sconvolgere la  mia vita. Scoprire di essere incinta, anche se lo stavi cercando ti riempe di gioia di quella gioia indescrivibile che credo solo un figlio riesce a darti.
Oggi sono qui a scrivere con le lacrime agli occhi (sono giorni che piango per qualsiasi cosa) con il mio cucciolo che scalcia e magari a quest'ora la prossima settimana il mio angelo sarà fra le mie braccia...
Perche si manca poco e l'emozione cresce sempre di più, la paura e la gioia camminano insieme, il desiderio di conoscerlo, di sapere che sta bene, di tenerlo fra le braccia di sentire i suoi pianti il suo odore cresce ogni minuto di più.
Sono stata in silenzio in questo mio momento della mia vita, devo dire inaspettatamente per me perchè io ho sempre avuto il desiderio di condividere gioie e dolori ma questa volta è scattata denro di me un senso di di protezione per questo dono di Dio e questa gravidanza è stata vissuta com intimità e riservatezza da me e mio marito.
Ho mille pensieri in testa, ripercorro questi mesi che sono volati, ricordo ogni attimo il giorno che ho scoperto di aspettarti avevo un sorriso indelebile in viso, le  paure delle prime settimane per qualcosa che non andava, la prima ecografia il tuo profilo ce l'ho sempre in testa, poi quel battito, quella bolla che ti scoppia in pancia e anche se sei alla prima gravidanza lo riconosci, sai che è il tuo bambino e lì ho capito che non sarai stata MAI PIU' SOLA che oramai eravamo in due...per sempre noi due"
........................Ho ritrovato qesto post salvato e mai pubblicato l'avevo scritto una settimana prima che piccolo ometto nascesse, poi mi sono fatta prendere dall'ansia del parto dal ricovero per l'induzione e non l'ho più pubblicato.......Oggi il mio piccolo ometto è qui accanto a me che dorme e forse riuscirò a pubblicare finalmente questo post prima che il suo pisolino di 30 minuti finisca, ma oggi sembra che la crema di mais e tapioca abbia avuto il suo effetto e sta dormendo di più!
Questo post segna il mio ritorno! Era ora vi sono mancata almeno un pò?!
Nel 2009 ho iniziato questo mio blog perchè mi trovavo a casa appena trasferita in un'altra città con una convivenza ed un lavoro da cercare, oggi ricomincio a scrivere perchè mi trovo di nuovo a casa sposata, senza lavoro (la crisi economica ha fatto un'altra vittima) e soprattutto mi trovo ad essere mamma  e su questo potrei avere molto da raccontare e condividere...
Così ecco si ricomincia come 5 anni fa con un post con un blog che magari prenderà forme diverse, con nuove ricette veloci e sane da preparare e con una nuova vita da raccontare forse la più faticosa e bella ...quella di Mamma!

Romy Chef's Blog 2014