giovedì 27 maggio 2010

..........impressi nel tuo cuore............

“Forse sono i nostri errori a determinare il nostro destino.Senza quelli che senso avrebbe la nostra vita?Probabilmente se non cambiassimo mai strada,non potremmo innamorarci,avere un figlio,essere cio' che siamo;del resto le stagioni cambiano,e così pure le città...la gente entra nella tua vita e poi ne esce,ma è confortante sapere che coloro che ami rimangono per sempre impressi nel tuo cuore….”


In attesa di andare a vedere il segiuto di Sex & City 2 il film….riporto qui questa frase della glamour e meravigliosoa Carrie…che dire proprio come dice nel film ho cambiato città, vita, lavoro, affrontato difficoltà e gioie nuove, ma le persone che amo e che mi mancano ogni giorno sono impresse nel mio cuore!!!!

Via adoro!!!

mercoledì 26 maggio 2010

"Piatti Unici Estivi" ultime serate a Castelfranco Veneto






L’estate sta iniziando e come tutte le scuole anche quella di “Peccati di Gola” sta chiudendo e dalla Dani a Castelfranco Veneto lo sta facendo alla grande con due serate di “Piatti Unici Estivi”.
La prima che si è svolta lunedì scorso tutta dedicata a dei piatti unici a base di pasta, verdure, frittate, dai colori vivaci e dai sapori gustosi.
Insomma l’ideale per l’estate dove diventa difficile stare ai fornelli, ma non si vuole lo stesso rinunciare a mangiare bene….
Inoltre questi piatti sono ideali per delle cene estive in giardino, si possono preparare anche il giorno prima ed il risultato è ancora più gustoso!
Durante la prima lezione il nostro chef è stato Sebastiano Molani “figlio d’arte” bravo e molto simpatico ci ha proposto dei piatti meravigliosi semplici da rifare e belli da guardare…
Così ecco un po’ di foto dei piatti della serata…..la sorpresa è stata il dessert….una vera golosità tanto eccezionale da gustare tanto quanto semplice da realizzare…così semplice che ci è stato “proibito” di svelarne la ricetta….per la serie come dico io “si fa ma non si dice”!!!!
Veramente bravi ed ora aspetto che arrivi lunedì dove a detta del nostro Chef Sebastiano le ricette saranno ancora più buone…..ma sarà anche la prossima volta il nostro insegnante!!! Ma??!! Ci ha lasciato con questo dubbio……vi farò sapere!!!


martedì 25 maggio 2010

Concorrenza sleale a Mc'Donalds....Insalate di pollo

Ciao a tutti….e scusate la mia assenza…sono sempre impegnata e a volte diventa difficile trovare un po’ di tempo per aggiornare il mio blog in maniera quotidiana come facevo prima…

Ma grazie a Dio sono finiti i tempi in cui ero sempre forzatamente a casa, ora fra il lavoro e la vita domestica non c’è più tanto tempo…sono entrata nel vortice delle donne impegnate che devono essere lavoratrici, mogli, madri, amanti, amiche…e che a volte non hanno mai un po’ di tempo per loro e per le loro passioni…ma come tutte le donne troviamo sempre la grinta e la determinazione giusta per affrontare le nostre giornate sempre più impegnate!

Dopo questo sfogo da casalinga-lavoratrice disperata, ma innamorata vi do due insalate semplici e gustose. Non so da voi che caldo fa, ma qui in veneto questi giorni sembra ferragosto così visto che con la stagione calda non è molto piacevole stare fra i fornelli e soprattutto c’è per tutte noi la prova costume faccio queste insalate colorate, semplici e saporite….una concorrenza spietata a quelle del Mc’ Donalds con la sola differenza che le mie non sanno di plastica! Ecco lo so ora mi prenderò una denuncia dalla Mc!!!

INSALATA DI POLLO CON SCAGLIE DI GRANA e MANDORLE


Cuocere un petto di pollo tagliato a striscioline in una padella con un filo di olio.

Nel frattempo lavate dell’insalata e della rucola. Condire con dell’olio extravergine di oliva, aceto balsamico, scaglie di mandorle sale e pepe.

Mettere l’insalata in un piatto e appoggiare sopra i pezzi di pollo e cospargere con delle scaglie di grana.




INSALATA DI POLLO CON ASPARAGI E FUNGHI


Passare il pollo tagliato a striscioline nel pangrattato e cuocere in una padella con un filo d’olio extravergine d’oliva.

Lavate dell’insalata e aggiunegere a quest’ultima degli asparagi bianchi precedentemente bolliti, dei funghi e dei cubetti di asiago (io ho usato i champichon nei barattoli quelli in salamoia, ma potete usarli freschi o anche altri tipi di funghi magari più saporiti). Condire il tutto con dell’olio extravergine di oliva e dell’aceto balsamico. Mettere l’insalata in un piatto e appoggiare i pezzi di pollo.


E appena riuscirò....un bel post dedicato alla serata di ieri sera "piatti unici estivi" da Dani a Castelfranco Veneto con un bravissimo Sebastiano Molani....
Buona notte a tutti....

mercoledì 12 maggio 2010

Eleganza e colori...Signore e Signori la Cucina Giapponese!!!





Dimenticatevi dosi ed ingredienti prelibati e sofisticati, tempi di cottura esatti, panna, burro, creme e farine….quella che sto per presentarvi è un’Arte….è l’Arte di saper combinare in maniera equilibrata sapori ed estetica dei piatti, perché qui con eleganza e raffinatezza si rendono importanti anche semplici ingredienti. Di cosa sto parlando? Della cucina Giapponese!!!
Oramai per noi Occidenatali andare al giapponese, mangiare sushi e sashimi è diventato come andare al bar sotto casa ed ordinare un tramezzino ed uno spritz, come dice lo Chef Gianluca Pardini, oggi il sushi si mangia ovunque, tutti si improvvisono grandi esperti, lo si trova confezionato anche nei banchi frigo dei supermercati, ma la cucina Giapponese è molto di più, è disciplina, è rigore nel taglio delle verdure e del pesce, i cibi devono essere disposti nei piatti con eleganza e senza mai dimenticare l’accostamento dei colori. Non a caso in Giappone sono pochi quelli che la domenica si mettono ai fornelli a preparare sushi, insomma per capirci non è proprio facile come cucinare delle lasagne al ragù!!! :)

Così ieri sera per alcune ore sono stata catapultata in un altro mondo, a casa della Dani a Castelfranco Veneto, all’interno dei mini-corsi organizzati dalla scuola di Peccati di Gola ho assistito ad una lezione di cucina Giapponese tenuta dal Maestro Gianluca Pardini, un toscano di quelli che piacciono a me veraci e ironici, grande esperto della cucina giapponese, Maestro di Cucina Executive Chef della Federazione Italiana Cuochi, fondatore di una scuola di cucina a Lucca dove sono passati la maggior parte dei cuochi giapponesi che ora lavorano nei ristoranti di tutto il mondo. Con la sua maestria ed eleganza ci ha presentato dei piatti a dir poco favolosi, come potete vedere dalle foto.






Procuratevi pesce fresco, salmone, pesce spada, tonno, filetti di cernia....aceto di riso, daikon, wasabi, zenzero, ginger, sakè, e iniziate a fare sushi e sashimi, tempura con verdure come zucchine, melanzane, zucca.....
Non è facile spiegare cosa ho imparato, ce ne sono tantissime di cose da scrivere, quello che posso consigliarvi è di fare un corso di cucina giapponese, a me ha stimolato un tale interesse da avere ancora più voglia di conoscere e sapere l'arte di questa cucina...
Intanto per questa sera vi lascio con un pò di belle foto della serata di ieri sera, ma presto tornerò sul tema con qualche cuoriosità di sushi, sashimi e tempura....






Sayonara.............

martedì 11 maggio 2010

Un sentimento improvviso li unì........

Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E' bella una tale certezza
ma l'incertezza è più bella.
Non conoscendosi prima, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?
Vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
forse in una porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.
Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio
il caso stava giocando con loro.
Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando un risolino
si scansava con un salto.
Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o il martedì scorso
una fogliolina volò via
da una spalla all'altra?
Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
Chissà, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?
Vi furono maniglie e campanelli
in cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.
Ogni inizio infatti
è solo un seguito
e il libro degli eventi
è sempre aperto a metà.


Oggi sono 7 mesi che io e il mio amore viviamo insieme....più di tre anni fa a Dublino le nostre vite si incontrarono un sentimento improvviso ci unì...e quell'incontroè stato solo l'inizio di una meravigliosa pagina della nostra vita......GRAZIE AMORE!!!!

mercoledì 5 maggio 2010

Quando un triste riso alle verdure diventa...Muy Bueno...Paella rivisitata!!!


Non c'è cosa più triste dopo una giornata passata al lavoro che aprire il frigorifero e trovarlo vuoto con solo una zucchina e un peperone che sono rimasti lì reduci da una peperonata....l'unica idea che mi è venuta in mente è stata quella di fare un riso alle verdure, calorie zero e gusto direi anche quello zero :D
Mentre affettavo la cipolla e tagliavo a dadini le verdure....mi sono detta ma sbaglio o ho dei gamberetti nel congelatore? perchè non fare una "paella" alla Romy???
Così ho soffritto la cipolla nell'olio, ho aggiunto il riso e il brodo e fatto cuocere senza mai mescolare.
Nel frattempo ho sbollentato in acqua calda con alcuni grani di pepe i gamberetti sgusciati. Quasi a metà cottura del riso ho aggiunto la zucchina e il peperone rosso tagliati a dadini e 5 minuti prima della fine cottura del riso ho aggiunto i gamberetti ed una bustina di zafferano, aggiustate di sale e pepe e se necessario durante la cottura aggiungete del brodo.
Ed ecco come un semplice riso alle verdure diventa Muy Bueno!!! :)
Naturalmente se voi avete più tempo e meno fame di quella che avevo io alle 20.30 prima di servire il riso potete passarlo al grill (come vorrebbe la vera ricetta della paella)e magari usare del brodo di pesce.
Avete visto?in cucina dobbiamo solo usare la fantasia e giocare con gli ingredienti e dare libero sfogo alla nostra cuoriosità di sapori.....

Ciao Ciao..............

martedì 4 maggio 2010

Aspettando sua maestà l'asparago....



Questa sera finalmente andrò al mini-corso organizzato dalla scuola "Peccati di Gola" della sede di Castelfranco Veneto oramai ribattezzati i corsi "Dalla Dani" tema della serata "ASPARAGI" e per una come me che aspetta ogni anno con trepidazione la primavera e che addirittura ha la fortuna di essersi trasferita in una delle regioni che vanta una D.O.P. proprio degli asparagi bianchi di Bassano non potevo non andare.....
Così in attesa delle ricette, dei consigli e delle cuorisità che stasera farò, da sommelier vi do qualche suggerimento in merito al vino che mi piace bere con piatti che hanno come protagonista l'asparago: il Sauvignon, vitigno tipico della regione Veneto in particolare della zona Venezia, Treviso, Vicenza e Verona e del Friuli Venezia Giulia.
Dal Colore giallo paglierino piu' o meno intenso con sfumature verdognole.
Profumo inebriante ed intenso, aromatico dal Sapore asciutto, brioso, ma sempre elegante e appagante.
Si abbina benissimo con gli antipasti ed egregiamente con gli asparagi. Ottimo è quello di Livio Felluga perfetta combinazione di qualità / prezzo.