WEEK-END

Una Firenze diversa: Fabio Picchi e il suo Teatro del Sale

domenica, novembre 21, 2010 Romina Sannipoli 1 Comments



Se siete appassionati di arte e come me divoratori della cultura del cibo, fermatevi un attimo perché state per leggere un ‘ esperienza che dovete assolutamente vivere.
Questa esperienza nasce a Firenze al Teatro del Sale un luogo dove si incontrano l’arte di Maria Cassi e la maestria dello chef Fabio Picchi, una moglie ed un marito che unendo le loro anime e le loro passioni hanno dato vita ad un luogo unico dove hanno reso unica la serata che ho vissuto.
Lui Fabio Picchi chef dello storico Cibreo di Firenze, lei Maria Cassi attrice bravissima e purtroppo ancora poco conosciuta in Italia hanno creato questo luogo d’incontro per i fiorentini e gli “stranieri” che desiderano passare una serata indimenticabile.
Su consiglio di amici sono andata senza sapere cosa mi sarebbe accaduto ed è stata una sorpresa continua…fin dall’ ingresso del teatro, che avviene tramite la bottega dove si possono acquistare dei barattoli di pelati, miele e acciughe, si sente una voce gridare….
Si entra e ci si trova davanti ad un teatro con i tavoli apparecchiati, sedie e poltroncine rosse, una cucina a vista anni 50 con forni a legna e brace e poi arriva lui il grande Picchi, apre la finestra della vetrata della cucina e comincia a declamare con potenza e con uno spiccato accento fiorentino i piatti che sono pronti dalla cucina: un tripudio di Polpettineeeeee alla livorneseeeee; lampredotto, rigatinoooooooo cotto lentamente, fusilli grandi al ragù, crema di ceci e lenticchie, zuppa di arselle piccantissima.....
Inutile dire che si è mangiato benissimo, sapori forti e decisi, sapori antichi e dimenticati...e per finire dopo la cena uno spettacolo di danze balinesi...e di colpo siamo stati catapultati nel fascino, la grazia e l'elenganza delle danzatrici...
Sono tornata a casa con nuove emozioni nel cuore, con la consapevolezza che ciò che da anima alla vita è la passione e la cultura e... la buona compagnia dei miei cari amici!
p.s. ho comprato in ricordo del week end il libro di Fabio Picchi "i dieci comandamenti per non fare peccato in cucina" che dire: un cuoco, un poeta!

1 commenti: